ricetta delle verdure al cartoccio

Verdure al cartoccio: una preparazione dai grandi risultati

 

Le verdure al cartoccio rivendicano un posto d’eccellenza sul podio delle ricette facili dai migliori risultati.

Semplici da preparare, profumate, saporite ed economiche (sì, anche questo è importante) le verdure al cartoccio portano in ogni momento un po’ di estate e di salute nelle nostre tavole.

Sceglietele per delle cene importanti, servitele come antipasto o come contorno, preparatele anche ai bambini, difficilmente le rifiuteranno.

Io preparo le verdure al cartoccio sbollentando prima ogni verdura, se volete una versione più “sprint” vi consiglio di saltarle in padella con un filo d’olio.

Ingredienti:

melanzane

zucchine

pomodorini

peperoni

porri

prezzemolo

origano

menta

olio extravergine d’oliva

sale e e pepe


come preparare le verdure al cartoccio

Come fare?

(in ogni caso utilizzate verdure di stagione o quello che avete in casa)

 

Lavare, spuntare e pulire le verdure.

Preparare una macedonia di zucchine, melanzane e peperoni.

Sbollentatela rapidamente in acqua salata e scolatela.

Affettare i porri ad anelli e dividere i pomodorini in spicchi.

Raccogliere tutte le verdure in una ciotola e condirle con olio, sale,erbe aromatiche tritate e profumare con il pepe.

Sigillare la porzione di ogni commensale in un foglio di carta forno (potete chiuderlo con una striscia di porro o erba cipollina).

Disporre i cartocci su una teglia da forno e infornare a 200° per circa 8 minuti.

Servire caldo con dei crostini di pane preparati al forno.

regala un corso di cucina a torino
Print Friendly, PDF & Email
The following two tabs change content below.
Avatar
CLASSE 1971 – EXECUTIVE CHEF , SOMMELIER PROFESSIONISTA, CONSULENTE GASTRONOMICO E SCRITTORE. Sergio Maria, spesso sui social come Chef SMT, è un personaggio eclettico e pieno di energia. Da più di trenta anni si occupa, a tutti i livelli, di enogastronomia, formazione e consulenza. Noto al grande pubblico per le sue fortunate trasmissioni televisive tra cui “Chef per un giorno” e “Colto e Mangiato”, ha creato nel 2012 La Palestra del Cibo la sua scuola di cucina a Torino. È un consulente esperto di organizzazione del lavoro della ristorazione e dell’ottimizzazione di attività ristorative a tutti i livelli. Nel 2014 riceve dall’AIFO il premio “Oliva d’oro” come miglior chef italiano per l’utilizzo e la valorizzazione dell’olio extravergine d’oliva.

Lascia un commento