Torta salata con verza ai tre colori

 

Torta salata con verza ai tre colori

Il cavolo verza è un ortaggio che può tranquillamente essere consumato crudo, lo sapevate? La verza è una pianta tipicamente invernale eppure non ama le temperature troppo basse. La verza si pianta tra Aprile e Giugno ed è un prezioso alleato per la salute. Tutti i cavoli contengono vitamina C e acido folico e aiutano nelle diete perché hanno la capacità di farci sentire sazi.

Oggi prepariamo una torta salata di verza ai tre colori, ideale se avete ospiti vegetariani a tavola.

Ingredienti:
Per la crosta
300 g farina 00
200 g farina di riso
250 g acqua
100 g burro 

50 g olio extravergine di oliva
10 g lievito istantaneo
20 g sale fine

Per il ripieno
verza olandese
cavolo verza
ricotta
olio extravergine di oliva
sale
pepe

rustico di verze ai tre colori

Per la crosta – mescolare le farine, aggiungervi il lievito istantaneo, l’acqua e il sale.
Impastare brevemente e appena l’impasto avrà preso “corpo” allora unirvi anche il burro. Impastare fino ad ottenere un composto liscio e sodo.
Lasciare riposare alcuni minuti quindi dividerlo in due parti, una il doppio dell’altra.
Coprire e tenere a disposizione.

Nel frattempo affettare al coltello i due tipi di verza e cuocerli in casseruola con poco olio avendo cura di tenerli separati (10 minuti circa). Regolare di sale e di pepe e lasciare in caldo.

Stendere quindi la parte di impasto più grande tirando una sfoglia con cui si fodererà una tortiera a cerniera dei bordi alti.
Disporvi ora a strati alterni la verza scura, la verza chiara e la ricotta.
Arrivati al bordo della tortiera livellare bene il ripieno.

Prendere la parte più piccola dell’impasto, stenderla ugualmente come la precedente e ricavarne un disco di sfoglia della misura della tortiera.
Disporlo a coperchio sulle verze a strati e sigillarne quindi i bordi unendoli.

Spennellare con poca acqua e infornare a 180°C per almeno 35 minuti.
Una volta cotta la torta rustica attendere che intiepidisca prima di servirla.

 

Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Print this page
Print
Share on Tumblr
Tumblr

Ti piace questo articolo? Condividilo, per noi è importante!

Lascia un commento