ricetta del risotto con le sarde

Risotto con sarde, asparagi e ricotta salata

Saporito, classico rivisitato, di grande eleganza. Se servite il riso con le sarde, gli asparagi e la ricotta salata non potrete che fare un’ottima figura.

State attenti con il sale, ve lo ripeto sempre: IL BRODO NON VA MAI SALATO.

E se non avete tempo di fare il brodo, sfogliate il mio ricettario e preparate qualcos’altro, perché il risultato di un buon risotto dipende al 90% dal brodo.

Ingredienti:

400 g riso Carnaroli
250 g sarde freschissime
500 g asparagi
1 cipolla
1500 g di brodo vegetale (sedano,carota, cipolla e una foglia di alloro)
ricotta salata
olio extravergine di oliva
burro
sale
pepe

 

Come fare?

Preparare il brodo lasciandolo sobbollire almeno un’ora. Filtrarlo e tenerlo in caldo.

In una casseruola con poco olio e poco burro fare sudare la cipolla a fuoco dolcissimo.

Quando la cipolla sarà trasparente aggiungervi le sarde pulite e deliscate lasciando che si sciolgano tra la cipolla.

Nel frattempo eliminare la parte coriacea dei turioni degli asparagi e una volta messe da parte le cime affettarne il fusto in lamelle sottili che si aggiungeranno alle sarde.

Fare cuocere per pochi minuti sempre a fuoco dolce.

Alzare la fiamma e aggiungere il riso facendolo tostare per alcuni minuti facendo diventare il riso traslucido.

Sfumare con un mestolo di brodo e portare a cottura in quindici minuti circa aggiungendo il brodo poco alla volta.

Dopo dieci minuti, aggiungere le punte degli asparagi regolando anche di sale e di pepe.

Terminare il risotto mantecandolo con poco burro e una grattata di ricotta salata prima di servire.

iscriviti alla newsletter della nostra scuola di cucina
The following two tabs change content below.
Daniela Goffredo

CLASSE 1966 – ARCHEOLOGA MILITANTE, CUOCO, PASTICCERE E PERSONAL CHEF.

Daniela , classe 1966, nasce a Roma dove compie studi classici e muove i primi passi come archeologa militante.

La passione per la cucina, coltivata da sempre, si affina nel tempo fino al conseguimento dei titoli professionali di cuoco, pasticcere e personal chef, che la portano ad una vera e propria svolta di vita, iniziando a lavorare in qualità di chef assistant presso prestigiose scuole di cucina ed in vari locali della Capitale come sous chef e pastry baker.

Dal 2017 è titolare de " La Palestra del Cibo" dove coordina la formazione didattica e l'organizzazione degli eventi.  

Lascia un commento