finger food cestini di pane con uova di quaglia

Cestini di pane con uova di quaglia e speck un finger food da provare subito!

Volete stupire gli amici con un finger food elegante ma al tempo stesso facile da realizzare? Ecco la ricetta che fa per voi.

Non sono solo esteticamente molto carini i cestini di pane con uova di quaglia, sono anche veramente molto gustosi!

La presenza dello speck e della scamorza affumicata è essenziale, i profumi sono strepitosi e il cestino di pane vien voglia di mangiarlo in un sol boccone.

Servite questi cestini di pane con uova di quaglia come antipasto o preparateli per arricchire il vostro buffet di aperitivo.

Potrete sfruttare la tecnica dei cestini di pane per creare tantissime varianti finger food  perfetti per ogni occasione, basterà essere creativi.

 

Ingredienti:
uova di quaglia
pane bianco per tramezzini
speck
scamorza affumicata
sale
pepe

finger food cestini di pane con uova di quaglia

Preriscaldare il forno a 160/170°C.

Passare le fette di pane con il mattarello in modo da renderle compatte e più lavorabili, ma senza pigiare troppo.

Tagliare le fette di pane con il coppapasta e rivestire con i dischi ottenuti gli spazi dello stampo da mini muffin.

In ogni mini cestino di pane così realizzato adagiare un poco di speck e qualche quadratino di scamorza.

Rompere all’interno l’uovo di quaglia, cercando di lasciare intero il tuorlo.

Salare e pepare.

Infornare per circa 10 minuti o fino a quando l’uovo non sarà rappreso.

Servire caldi.

regala una lezione di cucina
The following two tabs change content below.
Avatar
CLASSE 1971 – EXECUTIVE CHEF , SOMMELIER PROFESSIONISTA, CONSULENTE GASTRONOMICO E SCRITTORE. Sergio Maria, spesso sui social come Chef SMT, è un personaggio eclettico e pieno di energia. Da più di trenta anni si occupa, a tutti i livelli, di enogastronomia, formazione e consulenza. Noto al grande pubblico per le sue fortunate trasmissioni televisive tra cui “Chef per un giorno” e “Colto e Mangiato”, ha creato nel 2012 La Palestra del Cibo la sua scuola di cucina a Torino. È un consulente esperto di organizzazione del lavoro della ristorazione e dell’ottimizzazione di attività ristorative a tutti i livelli. Nel 2014 riceve dall’AIFO il premio “Oliva d’oro” come miglior chef italiano per l’utilizzo e la valorizzazione dell’olio extravergine d’oliva.

Lascia un commento