25 Gennaio Capodanno Cinese, festeggiamolo con la ricetta dei ravioli tradizionali: Gli Jiaozi!

Se proprio non riusciamo a rassegnarci al fatto che l’anno nuovo sia iniziato e con lui sia ripresa anche la nostra routine quotidiana, abbiamo ancora un’opportunità per far festa e concederci il piacere di una serata spensierata: il 25 Gennaio si festeggia il Capodanno Cinese e quindi possiamo fare il bis, in onore di un anno che comunque ha un’identità “doppia”: 2020!

Quello che noi chiamiamo genericamente Capodanno Cinese, altro non è che l’inizio di un nuovo anno, quest’anno quello del Topo, che si apre con il novilunio, e viene celebrato dai cinesi ma anche da gran parte delle popolazioni dei paesi dell’Estremo Oriente.

E’ un momento dell’anno molto sentito, proprio come le nostre festività natalizie, e la maggior parte delle persone che vivono fuori casa coglie l’occasione per tornare in famiglia e raccogliersi intorno alla tavola con i propri cari e gli amici.

Quali sono i piatti tradizionali del Capodanno Cinese?

Due cibi su tutti non possono mancare – proprio come il nostro cotechino con le lenticchie – perché hanno valore di buon augurio. Il pesce, perché il termine in cinese suona come quello che significa abbondanza ed è quindi uno dei cibi che porta ricchezza e i ravioli cinesi che sono simbolo di prosperità, ciò che si chiede ad un nuovo anno pronto a partire.

Noi vi proponiamo la nostra ricetta dei ravioli cinesi per mettere in tavola un piatto tradizionale che profuma di esotico, ma è anche conviviale per una serata alternativa tra amici.

Piccola curiosità – questi golosissimi ravioli sono estremamente popolari anche in Giappone dove sono chiamati Gyoza e in Korea con il nome di Kyoja. Sono preparati in quattro varianti principali in base ala tecnica di cottura che si utilizza per la loro preparazione:

Ravioli bolliti – shuijiao “fagottini d’acqua”.
Ravioli al vapore – zhengjiao “fagottini al vapore”.
Ravioli brasati – guotie “fagottini fritti asciutti”.
Ravioli all’uovo – danjiao se avvolti con uovo invece che con la pasta.

(Fonte wikipedia)

Ricetta dei ravioli cinesi

Ingredienti per  la sfoglia dei ravioli cinesi:

250 g farina 00
100 g acqua
sale
olio di semi per la cottura

Ingredienti per il ripieno dei ravioli cinesi: 

200 g carne di maiale macinata
1 porro
1/2 cavolo bianco
aglio
zenzero
erba cipollina
salsa di soia
mirin

Jiaozi ricetta ravioli cinesi

Come fare?

Prepariamo il ripieno dei ravioli cinesi –

tagliare il porro a rondelle, sbollentare le foglie di cavolo e tritarle finemente.
Grattugiare lo zenzero fresco, tritare l’erba cipollina e l’aglio.
Miscelare due parti di soia ed una di mirin ed aggiungerla al composto.
Amalgamare con cura e mettere da parte.

Prepariamo la sfoglia dei ravioli cinesi –

scaldare l’acqua insieme ad un pizzico di sale, toglierla dal fuoco e unirla poco alla volta alla farina.
Cominciare ad impastare fino ad ottenere un impasto leggermente gommoso ma consistente.
Lasciarlo a riposo per una trentina di minuti coperto da un panno appena umido, successivamente ricavarne dei dischi di circa 10 centimetri.

Disporre il ripieno preparato in piccole quantità su ogni disco richiudendo la sfoglia verso l’alto a formare la classica forma dei Jiaozi.

Scaldare un filo di olio di semi in una padella: disporvi i ravioli lasciando la base a contatto fino a quando non assume il classico colore dorato.
A questo punto versare un bicchiere di acqua, coprire con un coperchio e lasciare cuocere fino a quando l’acqua sarà completamente assorbita e si sarà dorata anche la parte superiore.

Servire caldi ed accompagnare a piacere con salsa di soia.

A questo punto non resta che apparecchiare con qualcosa di rosso, perché anche in Cina è il colore della festa e del buon augurio e poi indossare il migliore dei sorrisi, perché quello, anche qui a La Palestra del Cibo, è l’ingrediente che amiamo di più!

CALL NEWSLETTER PALESTRA
Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Print this page
Print
Share on Tumblr
Tumblr

Ti piace questo articolo? Condividilo, per noi è importante!